Statuto

 

“La Sassello”

 


I. Norme generali

Scopo e definizione
Art. 1
E’ costituita nel Comune di Cugnasco - Gerra, la Sezione liberale-radicale (in seguito Sezione), sezione del Partito liberale radicale ticinese (in seguito PLRT). E’ un’associazione, ai sensi degli articoli 60 e segg. del Codice Civile Svizzero (in seguito CCS), che raggruppa i cittadini liberali-radicali conformemente allo statuto cantonale del PLRT.

Art. 2
La Sezione ha lo scopo di difendere e diffondere il pensiero liberale, cooperando con gli organi distrettuali e cantonali, attuando i principi e i postulati del PLRT nei modi stabiliti dal presente statuto
Partecipa attivamente alla gestione della cosa pubblica.

Art. 3
La sezione del partito liberale – radicale del comune di Cugnasco – Gerra si occupa dell’andamento del partito nel comune e verifica che i rappresentanti dello stesso, eletti nel Municipio e nel Consiglio Comunale abbiano a unificare la loro attività politica ai principi liberali e ai bisogni della collettività cittadina cooperando paritempo con gli organi distrettuali e cantonali.


Finanze

Art. 4
La sezione provvede ai propri fabbisogni mediante:
a) Le tasse sociali, il cui ammontare viene definito dall’assemblea, su proposta del comitato; Tale tassa è inizialmente stabilita a frs. 20.--.
b) Gli utili eventualmente conseguiti in manifestazioni ricreative e culturali;
c) I contributi volontari dei soci, i lasciti e le donazioni;
d) i contributi a carico dei rappresentanti in Municipio e in consiglio comunale. Attualmente tali contributi ammontano a frs. 400.—per i Municipale e a frs 50.—per i consiglieri comunali;
e) eventuali altre entrate.
E’ esclusa la responsabilità personale dei soci per i debiti della Sezione.
Il bilancio e il conto d’esercizio della sezione sono chiusi al 31 dicembre di ogni anno e trasmessi entro 30 giorni all’ufficio di revisione dei conti.
Il comitato è autorizzato a creare fondi particolari.
In caso si scioglimento della sezione, eventuali averi della sezione sono devoluti in beneficienza ad attività meritevoli del comune.

Art. 5
Il presente statuto disciplina l’organizzazione del partito e ne stabilisce le norme per tutti gli aderenti.

Soci

Art. 6
La domanda d’ammissione alla sezione avviene normalmente oralmente. Può anche avvenire per iscritto o su segnalazione di altre sezioni, in caso di trasferimento di domicilio.

Art. 7
Possono far parte della Sezione i cittadini Svizzeri domiciliati nel Comune e i cittadini attinenti del Comune, domiciliati fuori Comune. I cittadini stranieri domiciliati possono partecipare a pieno titolo, a livello comunale, alle attività della Sezione.

Art. 8
L’ammissione significa l’adesione ai principi ed ai postulati del partito. Equivale all’impegno di rispettare lo statuto i programmi e le direttive votate dall’assemblea o da altri organi competenti del partito.
Il pagamento della quota sociale costituisce la conferma all’ammissione.

Art. 9
Le dimissioni sono presentate per iscritto all’indirizzo dell’Assemblea, oppure al comitato oppure al Presidente della Sezione.

Art. 10
Non è consentito costituire correnti o frazioni organizzate.
La Sezione può comprendere delle Sottosezioni e/o gruppi che professino apertamente l’idea liberale e dichiarino di accettare e sottostare al presente statuto.
E’ auspicabile che ogni rappresentante del Partito si attenga alle decisioni collegiali del proprio gruppo, salvo i casi in cui venisse decisa la libertà di azione.

Art. 11
Il comitato decide per deferire un socio alla commissione disciplinare cantonale ai sensi degli art 72 e segg dello statuto cantonale.

I. Organizzazione – Organi sezionali

In generale
Art. 12
Gli organi della sezione sono:
.L’assemblea
.Il comitato
.Il gruppo politico
.L’ufficio di revisione dei conti

Art. 13
Le decisioni degli organi sezionali sono valide se approvate dalla metà più uno dei presenti. A parità di voti decide il doppio voto del presidente. Per le modifiche statutarie occorre una maggioranza di 2/3 dei voti emessi.


Art. 14
Ad ogni aderente degli organi del partito, incombe l’obbligo di mantenere l’assoluto riserbo su quanto viene discusso e deciso nelle rispettive sedute.

Art. 15
L’assemblea è l’organo supremo della Sezione. Essa è la riunione degli aderenti al Partito Sezionale. Essa è convocata mediante pubblicazione sulla stampa da parte del Comitato con preavviso di almeno 12 giorni e come minimo una volta all’anno nella forma ordinaria.
Assemblea straordinarie possono essere tenute a giudizio del comitato o se richieste per iscritto al Comitato da almeno 1/3 degli aderenti indicandone le trattande, in tal caso dovrà essere indetta entro un mese dalla domanda.

Art. 16
Il comitato delibera validamente soltanto quando è presente la maggioranza dei loro membri.
L’assemblea e il comitato deliberano a maggioranza dei voti emessi.
Non può essere deliberato su oggetti non preannunciati nell’ordine del giorno, salvo richiesta di almeno due terzi dei membri presenti.
Le delibere e le nomine avvengono per voto aperto. Ogni membro può richiedere il voto a scrutinio segreto.

Art. 17
Hanno diritto di voto i soci che hanno pagato la tassa sociale. Ogni membro presente all’assemblea ha diritto ad un voto.

 

Assemblea
Art. 18
L’Assemblea è l’organo supremo della Sezione Essa:
a) determina la politica del partito nell’ambito del Comune;
b) approva il programma d’attività della Sezione;
c) elegge il presidente, gli altri membri del Comitato e la Commissione di revisione;
d) designa i candidati per le elezioni comunali;
e) designa il rappresentante della Sezione, di regola il sindaco o un municipale, e un suo supplente nella Conferenza dei sindaci; se non risulta    disponibile neppure un municipale, a questa carica    è nominato un socio della Sezione interessato alle tematiche regionali;
f) elegge i delegati della Sezione nel Comitato cantonale, tra cui di regola il presidente della Sezione, in ragione di uno ogni 30’000 voti liberali o    frazione superiore alla metà accertati nell’ultima    votazione per il Gran Consiglio;
g) elegge i rappresentanti della Sezione al Congresso cantonale, i quali saranno pure membri dell’Assemblea dei rappresentanti del Distretto, in ragione di uno ogni 8’000 voti liberali o frazione superiore    alla metà accertati nell’ultima votazione per il Gran Consiglio ritenuto che ogni Sezione ha diritto ad almeno un delegato ;
h) approva la relazione presidenziale;
i) approva la gestione finanziaria;
j) approva gli statuti e le modifiche;
k) decide la radiazione e l’esclusione dei soci;
l) decide sulle proposte dei soci;
m) Approva gli statuti e gli eventuali adeguamenti;
n) Determina la tassa sociale;
o) Nomina i soci onorari;
  
Qualora membri eletti dall’Assemblea rappresentanti la Sezione negli organi cantonali fossero impossibilitati a partecipare, il Comitato designa dei sostituti.

Art. 19
L’assemblea è valida indipendentemente dal numero delle presenze. Le assemblee sono dirette dal Presidente.

 

Il Comitato

Art. 20
Il comitato è l’organo esecutivo della Sezione di cui coordina l’attività e l’organizzazione. Si occupa ed esamina problemi d’interesse comunale e sovra comunale. E’ responsabile per tutte le decisioni e iniziative politiche, in particolare in materia comunale che non sono assegnati dallo statuto all’assemblea. Dirige l’azione politica e organizzativa della Sezione conformemente alle decisioni dell’Assemblea. E’ l’organo d’informazione e discussione sull’attività politica promuovendo pure iniziative di propaganda direttamente o tramite le sue Commissioni o Gruppi di lavoro.
Il comitato è diretto dal presidente della sezione ed è composto da un minimo di tre membri.

Art. 21
Il comitato:
• elegge i vice presidenti, il segretario ed il cassiere;
• convoca e organizza l'assemblea e stabilisce l'ordine del giorno;
• propone i candidati per le elezioni comunali;
• redige e propone il programma d'attività;
• propone gli adeguamenti statutari;
• si impegna a creare animazione nella sezione, ad es. momenti culturali, politici, e di svago;
• mantiene il contatto con gli aderenti al partito, ad es. in caso di: nascite, matrimoni, nomine, meriti speciali, diplomi, degenze in ospedale e di decessi;
• contatta i nuovi cittadini;
• crea commissioni o gruppi di lavoro per permettere la realizzazione del suo mandato attingendo a persone all'interno e all’esterno della sezione;
• propone i membri di commissioni municipali e consorzi;
• svolge altre attività o compiti che coerentemente con il programma e lo statuto, favoriscono l'affermarsi dei principi liberali.

Art. 22
Il Comitato organizza un segretariato, fissa la sede sociale, costituisce dei gruppi di lavoro:
• Gruppo elettorale e della comunicazione informazione; che promuove e cura la comunicazione e l’informazione politica interna ed esterna della Sezione dotandosi di una adeguata organizzazione; che prepara le elezioni e le votazioni e si occupa della propaganda, della comunicazione elettorale e si interessa per l’acquisizione di nuove adesioni.
• Gruppo per l’organizzazione di eventi e manifestazioni, che promuove e cura le manifestazioni politiche ricreative (per famiglie, giovani e terza età), coordinando le attività con la commissione comunicazione;
• Gruppo della formazione; che si occupa di organizzare degli incontri formativi e di supporto all’attività politica comunale a tutti i membri e anche a tutti gli interessati
• Gruppo politico di strategia e coordinamento; che si occupa di promuovere e curare il rispetto degli obiettivi politici fissati dall’assemblea per il periodo legislativo relativo.

Il Comitato può costituire altri gruppi di lavoro per un periodo determinato. I membri dei gruppi non devono necessariamente appartenere al Comitato Sezionale.

Art. 23
Il comitato è convocato dalla presidenza oppure su richiesta scritta da un membro del comitato o del gruppo politico, ma di regola si riunisce almeno 5 volte all’anno e in ogni caso almeno 15 giorni prima dell’Assemblea.

Art. 24
I membri del comitato che in un anno non partecipano almeno alla metà delle sedute, senza valide giustificazioni, saranno sostituiti in seno allo stesso.

Il Gruppo Politico

Art. 25
Il gruppo politico è composto:
1. da Consiglieri Comunali
2. dal comitato della Sezione
3. altri membri
E’ un organo di appoggio al Presidente della Sezione, al Comitato e ai Municipali nello svolgimento dei compiti operativi di direzione della Sezione. Cura i rapporti con i Municipali nell’esame degli aspetti politici di decisioni di carattere urgente del Municipio. Opera nel rispetto delle competenze e delle responsabilità politiche del Comitato al quale riferisce sulla sua attività.

Art. 26
Il gruppo politico:
• designa il capo gruppo in Consiglio Comunale
• designa i membri delle commissioni del Consiglio Comunale
• attiva il programma politico della sezione
• discute i messaggi municipali

I Revisori dei conti

Art. 27
I revisori dei conti (due membri ed un supplente).
Sono rieleggibili al massimo due volte. I revisori esaminano i conti della sezione e ne redigono un rapporto che presenteranno all'assemblea.
Il rapporto dovrà essere consegnato al Comitato almeno 5 giorni prima dell'assemblea.

III.  Disposizioni finali
In generale
Art. 28
Domicilio della Sezione è quello del Presidente.

Art. 29
Ogni divergenza che dovesse sorgere in merito al presente statuto sarà definita dall'assemblea.

Art. 30
Le proposte di modificazione del presente statuto saranno inoltrate al Comitato, o proposte dallo stesso, il quale le presenterà all'assemblea con il relativo preavviso.

Art. 31
Per lo scioglimento della sezione si fa riferimento alle disposizioni del C.C.S. per le associazioni.
Art. 32
Per altre disposizioni non contemplate in questo statuto si farà riferimento allo statuto Cantonale e agli art. 60 e segg del CCS.

Art. 33
Il presente statuto è stato approvato dall'assemblea costitutiva in data: 31 marzo 2009 e ratificata dal Comitato Cantonale del Partito in data 22 aprile 2009.

Entrata in vigore

Art. 34
Il Presente statuto entra in vigore dopo la sua approvazione da parte dell’Assemblea Costitutiva della Sezione e la ratifica del Comitato Cantonale del Partito.